PROGETTO: ORTOTONDO

PROGETTO EDUCATIVO: ORTOTONDO

 

Il progetto prevede la realizzazione di un orto didattico di circa 350 mq all’interno del Campus Natura: una struttura di 3.000 mq sita in via Di Gugliemo, in pieno centro città di Avellino. L’iniziativa vuole proporsi come un’attività nella quale i bambini vengono stimolati ad utilizzare i propri sensi per mettersi in “contatto con la natura” e sviluppare abilità diverse, quali l’esplorazione, l’osservazione e la manipolazione.

L’attività manuale all’aperto, come la realizzazione dell’orto, la coltivazione di piante aromatiche e di fiori, dà la possibilità al bambino di sperimentare in prima persona gesti e operazioni, di scoprire tempi e ritmi della natura, di creare un rapporto diretto con essa.

 

FINALITÁ

La società odierna, caratterizzata da ritmi frenetici, da una concezione del consumo esasperata, dalla cementificazione selvaggia, lascia poco spazio alla curiosità, all’esplorazione, alla scoperta. Il progetto “Ortotondo” ha la finalità di sovvertire questo schema, di far conoscere ai bambini la natura, l’ambiente che li circonda, il rapporto di interdipendenza con l’uomo, la stagionalità, la varietà, l’attesa, l’idea che ciò che è coltivato in maniera non intensiva, che è raccolto al momento giusto e non fa centinaia di chilometri per arrivare a destinazione, non può che essere  più buono e salutare, per favorire fin da piccoli la formazione di una piena e consapevole coscienza ecologica.

 

CONTENUTI

L’orto e le sue stagioni: i bambini avranno a disposizione delle aiuole per poter coltivare un piccolo orto che verrà lavorato, seminato e curato in tutte le sue fasi di crescita fino alla raccolta, potranno così riconoscere le piante in tutti i suoi aspetti e accorgersi della vita di insetti e piccoli animali che lo abitano. Semineranno in cassette o vasi le piante più delicate e le trapianteranno quando saranno abbastanza forti; si potranno seminare in vasetti alcune piante aromatiche che i bambini continueranno a coltivare in classe o a casa. Costruiranno uno spaventapasseri per l’orto e impareranno una filastrocca. Con gli scarti vegetali e le foglie secche realizzeranno un cumulo di compostaggio.

Si svilupperanno argomenti diversi quali:

·         La terra.

  • Il ciclo vitale delle piante e le loro differenze.
  • I frutti e i semi.
  • Gli insetti.

 

 

DESCRIZIONE DEL PROGETTO ED ATTIVITÁ

 “Lo stare all’aperto, a contatto con la natura arricchisce le esperienze d’apprendimento dei bambini di nuovi contenuti, di nuovi valori, di nuove conoscenze d’abilità e strumentalità, altrimenti impossibili negli spazi interni…”.

Maria Montessori

 

L’Associazione di Volontariato – Onlus Mondo Amico con l’intento di stimolare i bambini ad esprimere la loro creatività intende mettere a loro disposizione ogni tipo di materiale naturale: fango, terra, sabbia, fiori e frutti. Vuole fornire ai bambini una preziosa occasione di osservazione/esplorazione dell’ambiente circostante, stimolare le attività di socializzazione, diffondere e conservare le pratiche sociali tipiche della vita agricola e favorire il rapporto diretto con la natura, trasmettendo ai bambini, in stretta collaborazione con il mondo della scuola le conoscenze e le tradizioni della terra.

Tutto questo sarà: ORTOTONDO, un luogo di sfogo, di movimento, di corse veloci, di iniziative spontanee. Un luogo diverso per attività programmate e strutturate.

Ortotondo sarà un’agri-ludoteca, da istituirsi all’interno del Campus Natura, un luogo all’aperto, uno spazio creativo, ricreativo e culturale dove operatori professionisti nel settore dell’infanzia, volontari, genitori e nonni vogliono dar vita ad un progetto di riscoperta della natura, del recupero di tradizioni, del sano divertimento e dello stare bene insieme.

L’iniziativa prevede la partecipazione di circa 60 minori dai 6 ai 10 anni ed il coinvolgimento delle scuole primarie, delle organizzazioni del settore e delle istituzioni pubbliche, oltre che di tutta la comunità locale.

Le attività ludico-didattiche verranno svolte principalmente nell’orto e i bambini parteciperanno alla filiera produttiva: dalla preparazione del terreno alla raccolta. Si ispireranno alla natura e mireranno a sollecitare nei bambini esperienze ed intuizioni gioiose attraverso la scoperta di forme di vita diverse quali i fiori e le piante.

L’Ortotondo sarà concepito come uno spazio per laboratori formativi con le scuole primarie, solo che, invece di piccoli banchi, sedioline e schede da colorare, troveranno posto semini da piantare, erbe infestanti da sradicare e piccoli rastrelli per arare.

E così i bambini, che per loro natura non amano aspettare, impareranno che prima di seminare bisogna preparare il terreno, e che si raccoglie solo quando è il momento giusto, e non smetteranno di meravigliarsi giorno dopo giorno di vedere che dove prima non c’era nulla ora c’è una piantina”, checresce!

 

Primo incontro: valutazione del terreno

Il primo incontro, da tenersi nel mese di febbraio, avrà come oggetto la valutazione del terreno per l’orto.  È una breve e semplice procedura che ci permetterà di capire che tipo di terrà ha il nostro orto e come migliorarla per ottenere una buona produzione. Avremo bisogno di alcuni campioni di terra dell’orto presi in diverse zone e a diverse profondità. Mescoliamo bene la terra presa in un contenitore trasparente, aggiungiamo dell’acqua e rimescolami bene. Ora non ci resta che aspettare. La valutazione del terreno, con questo piccolo test, ha il semplice scopo di evidenziare la composizione del terreno tramite gli strati di posa che saranno visibili e segnando con un pennarello i livelli dei vari strati potremmo osservarne lo spessore. Il terreno ideale per l’orto ha i livelli dello stesso spessore.

Secondo incontro: scelta e preparazione del terreno

Come tutti sappiamo la terra fornisce il nutrimento necessario alle piante per crescere. Pertanto, per avere un buon raccolto è necessario valutare attentamente i seguenti parametri.

Esposizione al sole: Una buona esposizione al sole ci permetterà di ottenere una crescita più rigogliosa e produttiva.

Composizione della terra: Nella scelta del terreno per l’orto un altro aspetto fondamentale è la composizione della terra. La terra dovrà essere morbida, ricca di nutrimento e drenante al punto giusto.

Accesso all’acqua: come il sole anche questo aspetto è un requisito fondamentale per avere un orto produttivo e al Campus Natura abbiamo un pozzo ricco di acqua.

La prima cosa fondamentale per fare un orto è sicuramente la preparazione del terreno. La terra va mossa, concimata e fatta riposare per essere pronta. Dopo esserci procurati l’attrezzatura, forca o vanga, piccone, rastrello, pala e concime potremmo dedicarci alla preparazione del terreno:

1.      Vanghiamo il terreno. Con l’utilizzo della vanga o del forcone;

2.      Fresiamo il terreno. Con il termine fresare si indica lo sminuzzamento delle grosse zolle che si sono create con la vangatura, e con l’aiuto del piccone e del rastrello sgretolare la terra mescolandola bene con il concime che avemmo aggiunto, servirà a fertilizzare lo strato di terra dove ci saranno le radici delle nostre piantine.

Durante la fase di preparazione della terra, per renderla più friabile e facilmente coltivabile, bisogna eliminare il maggior numero possibile di pietre.

Terzo incontro: come utilizzare i sassi dell’orto

Le pietre possono essere utilizzate sia per l’estetica dell’orto che per la sua utilità, sta a noi e all’immaginazione di tutti i bambini, alla loro creatività trovare il modo o il posto migliore dove sistemarle, qualche idea? Possiamo utilizzarle per realizzare stradine per un più facile accesso all’orto ai piccoli contadini, ecc. Infine prepareremo il terreno per la semina.

La primavera, con il tempo che comincia a mitigare, la natura che si risveglia e si rinnova è il momento ideale per cominciare a preparare il terreno per la semina, molti sono i lavori che nell’orto aspettano i piccoli contadini.

Quarto incontro: la semina

E’ tempo di semina, i bambini insieme alle educatrici e ai nonni prepareranno le aiuole per le semine, tracceranno i solchi per i trapianti. Si potranno seminare zucche e zucchine, carote, ravanelli e rucola e poi dalla metà di aprile anche i pomodori, con i quali i bambini potranno preparare una gustosa salsa. Si potranno seminare anche melanzane e peperoni e i bambini dovranno ricordarsi che in questa stagione sarà necessario innaffiare sempre più spesso la terra.

Al Campus troveremo l’area detta “accoglienza” in cui i piccoli all’arrivo troveranno dove riporre abiti e scarpette per cambiarsi, ogni bambino avrà a disposizione gli stivaletti, gli impermeabili e i cappellini, insieme ad un rastrellino, una paletta da giardino, un annaffiatoio e un piccolo contenitore con i semini che verranno piantati di volta in volta.

L’orto avrà la forma di una grossa torta e i bambini divisi in gruppo per età, ad ogni gruppo di bambini verrà riservato uno spicchio di terreno in cui fare esperimenti.

Siamo fortemente convinti che un bimbo che pianta un semino nel suo orticello, partecipa alla sua crescita, lo vede diventare una piantina, lo annaffia con cura, lo osserva divenire uno stelo, poi……un fagiolino.

Vari incontri settimanali

Per concimazione, estirpazione erbacce, innaffiamento e cura delle piantine.

 

Quinto incontro: la raccolta

Oltre a seminare, i bambini potranno provare la gioia di raccogliere i primi prodotti dell’orto, le prime zucchine, i pomodori, la lattuga, ecc., pronti per essere cucinati……insomma, questi bambini saranno sicuramente invogliati ad assaggiare i frutti del loro orto!!!

Oltre ai prodotti dell’orto, i bambini creeranno un angolo verde, in cui seminare, curare e veder crescere le erbe aromatiche: erba cipollina, basilico, origano, maggiorana, prezzemolo, rosmarino, salvia, ecc.

Crediamo che una attività come l’orto fatto con i bambini possa favorire il loro sviluppo, li renda più felici, creando così le basi per divenire futuri e migliori cittadini.

Spesso si evidenzia che sta crescendo una generazione di bambini con un “deficit di natura”. Per invertire questa tendenza crediamo che la soluzione sia tornare a lavorare in natura e nella natura, per fare esperienza con essa, anche giocando, imparando a parlarsi, ad ascoltarsi e a confrontarsi. Crediamo che l’orto sialo strumento ideale. Per i bambini l’esperienza nell’orto è un grande dono, di serenità, di gioco, di gioia, un luogo dove apprendere tante emozioni che rendono forti, liberi e calmi.

Pensato per grandi e per piccini, al momento del raccolto al Campus Natura sarà allestito lo “Spiazzo del Risparmio”, i genitori potranno “acquistare” i prodotti dell’orto direttamente dai loro piccoli coltivatori.

I contributi offerti saranno utilizzati dall’Associazione di Volontariato per la realizzazione del parco giochi per tutti attrezzato anche con giostrine per bambini diversamente abili.

 

Laboratori didattico-ricreativi

Saranno realizzati durante le diverse fasi del progetto.

  • L’orto e la natura. Conoscere le caratteristiche e la micro-fauna del terreno, le caratteristiche delle piante e delle colture, i cicli produttivi e la stagionalità.
  • Educazione alla sostenibilità ambientale. Insegnare la struttura e l’organizzazione dell’ambiente naturale ed educare i bambini a stili di vita sostenibili in armonia con l’ecosistema e senza alterare gli equilibri naturali.
  • Cake design. Realizzeremo biscotti belli e colorati con colori naturali. Utilizzeremo come coloranti prodotti presenti in natura…saranno meno appariscenti…ma saranno buonissimi e faranno tanto bene al cuore!
  • Riciclo creativo. Impareremo a rispettare l’ambiente ed a combattere gli sprechi attraverso il gioco e la creatività con il recupero ed il riuso dei materiali. Obiettivo è quello di maturare una coscienza civica per diventare, un giorno, un adulto eco-responsabile ed eco-attento. Nello stesso tempo, “giocando con l’arte”, il bambino impara a dare libero sfogo al proprio estro e alla propria creatività e a sperimentare diverse possibilità e diverse tecniche di espressione e di comunicazione artistica, manipolando i materiali e realizzando degli originalissimi oggetti fai da te.
  • Baby Kitchen. Al momento della raccolta dei frutti dell’orto, ci sarà la grande festa “NaturalMENTE” con il Laboratorio di Cucina per Bambini, un gioco che permetterà ai cuochi in erba di imparare a ad apprezzare i prodotti da loro coltivati rafforzando la propria autostima, acquistando consapevolezza delle proprie azioni e fiducia nelle proprie capacità, instaurando rapporti di amicizia e collaborazione, di divertimento e riuscendo persino a superare molti pregiudizi alimentari.

 

DESTINATARI

  • Minori dai 6 a 10 anni.
  • Genitori e comunità locale.

OBIETTIVI

·         Conoscere le piante, i fiori, gli ortaggi e la natura che ci circonda attraverso un contatto diretto e un approccio di tipo operativo.

·         Educare alla cura ed al rispetto della natura e dell’ambiente.

·         Conoscere i cicli produttivi, le stagionalità e le modalità di consumo.

·         Promuovere un’adeguata alimentazione che preveda sopratutto il consumo di prodotti ortofrutticoli freschi.

·         Far diventare i bambini dei piccoli produttori e cittadini consapevoli delle proprie scelte d’acquisto: educare allo sviluppo sostenibile e al consumo consapevole.

·         Imparare a leggere la realtà come un insieme di fenomeni percepiti attraverso i sensi, accrescere la propria memoria e capacità di percezione sensoriale.

·         Favorire lo sviluppo di abilità manuali e messa in pratica di conoscenze scientifiche.

·         Sviluppare la capacità di lavorare in gruppo.

·         Creare relazioni tra i bambini, le famiglie e la comunità.

 

DURATA DEL PROGETTO

Il progetto ha una durata di 6 mesi da Marzo a Luglio 2014.

 

MATERIALI

·         Attrezzi da giardino: zappa, vanga, rastrello, setaccio, badile, cesoie, paletta, innaffiatoi, guanti, stivali per la pioggia.

·         Vasi, terriccio, sementi, bulbi.

·         Concime.

·         Nomenclature.

·         Macchina fotografica.

·         Pinzette.

·         Lente d’ingrandimento.

 

VALUTAZIONE E MONITORAGGIO

Ogni mese è prevista una fase di valutazione sull’andamento del progetto per verificare i risultati raggiunti e le azioni future da compiere.

Alla fine del progetto ad ogni partecipante è somministrato un questionario per valutare le conoscenze e competenze acquisite.

Per info:

FERRARA FABRIZIO Responsabile progetti, fundraising e comunicazione

Tel. 3395252778

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...